I

  Letture di domenica 13 gennaio 2019

   Letture di domenica 20 gennaio 2019

 

I GIOVANI CHIEDONO ADULTI CREDIBILI

 

 {Don Michele Fdlabretti;29 Ottobre 2O18)

Credo che il Sinodo abbia messo in evidenza il "paradosso pedagogico" a cui oggi assistiamo. Gli adulti di oggi, giovani fino a ieri, sono cresciuti con uno schema ben preciso: i grandi sanno, quindi dicono ai piccoli cosa devono fare; chi cresce è sguarnito, chi è maturo è attrezzato. per la prima volta, nella storia, l'azione educativa deve prendere atto che non è più così: chi è giovane ha già a disposizione molte delle informazioni che l'adulto vorrebbe consegnare. (...) si tratta di prendere atto che non abbiamo più a che fare con generazioni cii piccoli ingenui (tale io non ho paura di definirmi, se ripenso alla mia giovinezza). Dunque, proprio perché diciamo che la fede è questione dj senso della vita, a maggior ragione la Chiesa deve seriamente porsi il problema di come si presenta a questo tempo e alle persone che lo vivono. Proprio per questo nel Sinodo sono emerse questioni urgenti che riguardano gli adulti: la loro credibilità in tema di fede e di vita, la gestione delle strutture ecclesiali e la capacità dì mostrare che il potere nella Chiesa deve essere anzitutto un servizio, il ruolo della donna all'interno di essa, l'accoglienza delle fragilità e marginalità nella cura dei più poveri. E soprattutto la disponibilità (prima ancora che lo capacità) a farsi compagni di viaggio che sanno ascoltare le domande dei giovani prima di correre a offrire risposte. Sembrerà strano, ma è su questo terreno che si gioca la partita di una Chiesa che vuole tornare a incontrare i figli di questo tempo. l.-./ Un pensiero, davvero, consola al termine di questo Sinodo: non è davvero mai troppo tardi per poter riannodare i fili della vita con la presenza di Gesù nella storia. Le depressioni pastorali non sono ammesse, ricordano troppo un aratro lasciato a terra.