I

  Letture di domenica 20 agosto

   Letture di domenica 27 agosto

 

DOMENICA 16 LUGLIO É TORNATO ALLA CASA DEL PADRE DON GIAMPIETRO CECCHINEILLO, 1° PARROCO DI S. TERESA.

 Qui di seguito alcuni stralci del suo testamento spirituale:
Rendo "Grazie" al Signore per il dono della vita, delle Fede e del Battesimo, Rendo Grazie" al Signore per avermi chiamato dl sacerdozio (senza mio merito) e di essersi fidato della mia povertà nelle varie Comunità cristiane alle quali sono stato inviato. 1.,.) Nella mia mente scorre viva Ia memoria di tante Comunità e dì tanti volti, dove ho cercato di essere an prete felice, nella fedeltà e nella generosità, Consapevole dì di  tanti miei limiti e delle mie mancanze, conidio nella misericordia di Dio e nella benevolenza di quanti, involontariamente, avessi in qualche moda rattristato.
 (,.,) sono stato chiamato dal Vescovo Mons. Girolamo Bortignon od avviare una nuova Parrocchia in zona Guizza/Bassanello. Così, per 10 anni, nello povertà delle strutture, ho fotto un po' di esperienza missionaria, visto che avevo suggerito di dedicare lo nuova Parrocchia d S. Teresa di Gesù Bombino, patrona delle missioni, nel centenario dello suo nascita (1973). Dieci anni intensissimi, con poche speranze dì avviare chiesa e opere parrocchiali, e comunque contenti della povera chiesetta prefabbricata e dei 50 mq di abitazione, Ed è lì che ho avuto le p me esperienze di collaborazione con i giovani cappelloni, che ho sempre desiderato vivessero con me, E anche a S. Teresa tonti ragazzi e giovani, essendo un quartiere giovane e di edilizia popolare, Quanti meravigliosi campi scuola parrocchiali a Gosaldo, a S. Lorenzo in Banale, o Camporovere e infine d Ponteverde !! Dopo 10 anni, a malincuore, ho chiesto di cambiare, perché le forze stavano venendo meno e i ritmi necessariamente stressanti (ricordo gli episodi di malore/tress, anche dall'altare.,, ).
Siate felici di essere cristiani, Amate la Parola di Dio. Siate fedeli alla Santa Messa e ai Sacramenti siate devoti dello Madonna, amatevi e aiutatevi come fratelli, Le vostre famiglie siano delle "chiese domestiche" dove si impari ad amare Dio e o vivere la fede, lo speranza e lo carità. vi chiedo ancora una volta perdono, se non sempre sano riuscito a rispondere alle vostre attese, Ma sappiate che vi ho voluto bene e "vi porto nel cuore". vi invito a pregare per le vocazioni sacerdotali, (...) lo sono felce di "essere sacerdote per sempre" e vi attendo tutti nella cosa del Padre. Ricordatevi dl me nella preghiera, mentre ancora una volto vi benedica nel nome del Signore,